Crediti Web mail

  
  
 
 

Official Site

L'Islanda
Carta d'identità
Perchè l'Islanda
Turismo
Ispirazione pura
Ghiaccio e fuoco
Strane sensazioni
Creatività
Visti e limitazioni
Economia
Pesca
Allevamento
Lavoro
Lavorare in Islanda
Trovare lavoro
Documenti
Consigli utili
Storia e cultura
La colonizzazione
Scoperta dell'america
Reykjavik
Oggi
Gli islandesi
Diversità
Lingua e tesori
Curiosità
Contatti

 

Google
Home page > Economia > Allevamento
  

Uccelli dal piumaggio

Quando le prime sterne artiche dell’anno si gettano in picchiata per pescare nel laghetto di Reykjavik, o i primi pivieri dorati cinguettano per prati e valli, gli islandesi sanno che la primavera è finalmente arrivata. Un posto particolare tra le specie avicole occupa il corvo, rispettato, amato ed un po’ temuto, la cui sagoma nera e i cui gracidi sono familiari in ogni parte del paese. Nelle contrade deserte nidificano rari esemplari di aquile marine e i tipici girfalchi islandesi, un tempo vanto di re stranieri, e oggi una delle specie protette. Molte varietà di anitre abbondano in laghi e stagni, mentre innumerevoli sono gli uccelli marini. I pulcinella di mare sono divenuti il simbolo delle isole Vestmannaeyjar, le cui scogliere a picco sul mare fanno da loro dimora, mentre un piccolo scoglio dell’arcipelago, l’Eldey, ospita un decimo della popolazione mondiale di sule. La terra stessa crea un altro contrasto, quello con il mare, linea di separazione e al medesimo tempo di congiungimento con il mondo esterno, mezzo numero uno di sostentamento per gli abitanti di questa nazione. Tutto paradossale come gli islandesi stessi, che hanno scelto di vivere ai limiti del mondo abitabile, fortemente consci delle proprie radici e tradizioni, ma proiettati e già inseriti nel moderno mondo tecnologico.

   

Un cavallo coi piedi per terrà

Il “servo più fedele dell’uomo” è come gli islandesi chiamano i loro tipici cavalli, più piccoli di quelli noti altrove, ma ben più robusti e tenaci, importati al tempo dei primi coloni, più di mille anni fa. Da sempre compagni fidati, i cavalli islandesi hanno rivestito nel corso dei secoli una funzione insostituibile, sia per gli 

 

spostamenti di qualsiasi tipo che per i lavori contadini e quelli legati alla pastorizia. Oggi si stima una popolazione di ca. 70.000 esemplari, allevati per lo sport e il tempo libero degli abitanti delle città, in cerca di piaceri a contatto con la natura incontaminata. Il cavallo islandese è in grado di marciare in cinque passi differenti e costituisce una razza pregiata e stimata al di fuori dei luoghi natii. In molti paesi si tengono campionati per purosangue appositamente importati dall’Islanda da appassionati allevatori.

 

Cittadini lanuti

La caratteristica pecora islandese è diventata cittadino onorario a tutti gli effetti, dopo secoli di dipendenza pressoché totale dell’uomo dall’agricoltura, tanto che le pecore superano per numero gli abitanti dell’isola. Le pecore giunsero in Islanda con i primi coloni, e la loro caratteristica più spiccata è la mancanza della coda, mentre il 

  

vello si è raddoppiato nel corso dell’evoluzione, ed è costituito da uno strato soffice interno a contatto con la pelle e di uno più spesso ed impermeabile manto esterno, a prova di intemperie, per una combinazione di comfort e calore per i quali la lana islandese è rinomata. Gli ovini forniscono inoltre carni deliziose dal sapore di cacciagione fornitogli dalla dieta a base di erbe selvatiche verdi dei pascoli islandesi. Ogni autunno i contadini vagano per settimane al raggruppamento dei capi, che pascolano liberi durante la stagione estiva, e il raduno delle greggi è uno dei grandi eventi sociali delle comunità rurali.

 

 

Organizzazione viaggi in Islanda

 

Daily News from Iceland

 

Ente del Turismo Islandese

 

Iceland Naturally

 

 

Chamber of Commerce

 

Arctic Council

 

Responsible Fisheries

 

Trade Council

 

Schengen

 

Statistics Iceland

 
 

Organizzazione viaggi in Islanda

Organizzazione viaggi in Islanda

 

Aggiornato il 17-04-2016